• Home
  • Tutte
  • News
  • Come distinguere un’offerta di lavoro seria da una truffa.

Il Blog degli studenti


03 giugno 2021

Come distinguere un’offerta di lavoro seria da una truffa.

Autore Davide Fossati

Chiunque ormai cerca lavoro online, dopotutto è molto semplice: basta qualche click e il gioco è fatto!

Le truffe sono sempre dietro l’angolo e ormai sempre più difficili da riconoscere.

Per fortuna esistono alcuni elementi che fanno scattare il campanello d’allarme ai quali è fondamentale prestare particolare attenzione.

Ecco, quindi, i fattori che devono saltare subito all’occhio:

Nulla è regalato

Alcuni annunci sembrano dei veri e propri affari, accettando quelle offerte di lavoro saremo milionari dopo pochi mesi e con uno stipendio fisso tutta la vita senza praticamente muovere un dito, questi lavori non esistono.
Capiamo inoltre che, molto probabilmente, sarà una truffa se l’azienda contatta te e non viceversa, capita infatti molto raramente che le aziende siano arrivate ad un punto in cui devono contattare loro i possibili dipendenti, di solito si preparano in anticipo facendo colloqui.

L’obiettivo del truffatore è quello di rubare dati sensibili presenti nel C.V. mettendo fretta e facendo capire che l’offerta di lavoro milionaria non durerà molto e bisogna cogliere la palla al balzo.

Email poco professionali

Non tutti sanno scrivere l’email perfetta ed elegante ma qui non si sta parlando del refuso su una parola o di una maiuscola mancata, i campanelli di allarme si attivano quando si incontrano errori pesanti e continui errori sulla punteggiatura o peggio casi come “ Caro Nome Cognome, sei stato scelto”.

Questi testi sono creati da generatori automatici di testo di basso livello oppure copiati e incollati milioni di volte in cerca di una persona disattenta che caschi nella trappola.

Anche qui l’obiettivo è rubare dati sensibili oppure condurre a siti che potrebbero compromettere l’integrità del computer dal quale si risponde.

Descrizione generica del lavoro

Negli ultimi anni il lavoro si è evoluto e con lui le competenze richieste che sono sempre di più e più trasversali quindi anche in offerte di lavoro serie possiamo trovare delle descrizioni dei compiti un po generale però spiega sempre che tipo di lavoro si andrà a fare.

Le truffe si riconoscono perché i requisiti minimi richiesti sono davvero basilari come essere maggiorenni, avere accesso ad internet e abitare in Italia, praticamente 50 milioni di italiani sarebbero adatti a questo lavoro, inoltre anche la descrizione del lavoro in sé è praticamente inesistente e se si prova a chiedere delucidazioni non si ha alcuna risposta.

Pagare per lavorare

Sembra un’affermazione assurda; eppure, alcuni lo chiedono e purtroppo alcuni ci cascano, durante i colloqui di lavoro viene detto al candidato che per lavorare dovrà partecipare ad un corso per acquisire tutte le competenze necessarie, fin qui tutto nella norma, il problema si presenta quando questo corso è totalmente a carico del candidato.

Ovviamente questi corsi sono assolutamente inutili o spesso inesistenti, le aziende vere pagano sempre i corsi dei propri lavoratori anche perché un dipendente formato vale di più di uno non formato.

A volte invece la richiesta di soldi avviene per poter accedere al colloquio, questa pratica non è assolutamente la prassi, anzi, le aziende più candidati hanno e più hanno possibilità di trovare una persona adatta a quel lavoro.

Infine, ad alcuni viene chiesto di acquistare un kit per il lavoro, si può trattare di un software per lavorare da casa oppure degli strumenti particolari, ovviamente questi kit non serviranno a nulla o non arriveranno mai e i software sono inventati anch’essi.

Azienda fantasma

Nel 2021 trovare le informazioni di un’azienda online è davvero facile, se non fosse così allora potrebbero esserci dei problemi, difficilmente non sono presenti oppure spesso hanno nomi che assomigliano o storpiano aziende vere, così facendo una persona poco attenta potrebbe non accorgersi di una lettera cambiata o di qualche mancanza, così “Johnson & Johnson” diventa “Jonsen & Jonsen” e il gioco è fatto.

Quindi è molto importante essere pronti a notare il minimo errore e cercare se effettivamente l’azienda abbia aperto una sessione di assunzioni oppure se sul sito ufficiale troviamo la stessa offerta trovata online.

Quindi bisogna evitare di cercare lavoro online? No, assolutamente, è un modo molto comodo che permette di raggiungere aziende che non pensavamo neanche di contattare, inoltre permette una maggiore velocità nel trovare il lavoro dei sogni.

Per fare tutto questo però bisogna stare sempre molto attenti e seguire queste buone pratiche e affidarsi sempre a piattaforme affidabili e serie.